Pareri

Schema per redigere un parere di diritto civile: scopri la miglior modo per strutturare il parere.

Perché la maggior parte dei compiti è insufficiente?

L’esame avvocato è una maratona e non una gara di cento metri piani. Il limite più grandi dei molti compiti che vengono corretti dai commissari è sempre lo stesso: la mancanza di consapevolezza da parte del candidato di comprendere come si scrive un parere. Continua a leggere per approfondire ciò che stai cercando. La maggioranza dei compiti è insufficiente perché non c’è una visione globale del problema giuridico. I commissari sanno che a fine giornata tutti i candidati, in un modo o nell’altro, saranno venuti a conoscenza della traccia che risolve la questione giuridica. Ma pochi candidati fanno qualcosa che li distingua dalla massa. I più si limitano a copia-incollare la sentenza risolutiva del parere, magari cercando sentenze dai codici commentati della Cassazione simili che possano in qualche modo infarcire un parere di 5/6 facciate. Questo è un approccio sbagliato che porta nella quasi totalità dei casi alla bocciatura.

Qual è il segreto per scrivere un parere sufficiente in diritto civile?

Non esiste alcun segreto: esiste un metodo di redazione del parere di diritto civile. Il metodo viene spiegato dettagliatamente in questo sito, se avrai il piacere di cercarlo nel menù qui sopra. Se sei capitato in questa pagina però è perché hai cercato “Come iniziare un parere di diritto civile” oppure “schema per redigere un parere civile e in questo voglio aiutarti, in questa pagina.

Come iniziare un parere di diritto civile.

Abbiamo visto come non esista alcun segreto per scrivere un parere sufficiente alla prova scritta dell’esame avvocato, e come la mancanza di metodo sia il problema più grande nella redazione di atti e pareri. Ti spiego ora come iniziare un parere di diritto civile.

  1. La prima parte del parere deve contenere la sintesi del fatto. La parte introduttiva viene dalla maggioranza dei candidati dimenticata. La ritengono, a torto, un’inutile ripetizione. D’altronde, dicono, i commissari ne avranno a noia: meglio evitare di indisporli con ripetizioni, quindi passiamo subito al sodo. Niente di più sbagliato: l’introduzione in fatto è necessaria e fondamentale in un parere. Ogni compito è un mondo a sé, ed inutile ritenere che i compiti non vengano letti: in realtà, spesso vengono purtroppo letti. Ciò significa che partire immediatamente con una introduzione chiara e sintetica degli elementi di fatto rilevanti per la successiva fase è necessario e utilissimo. Non bisogna credere che però sia necessario trascrivere l’intera traccia: occorre fare una sintesi di tutti i fatti che hanno una rilevanza giuridica.
    1. Prendi ad esempio la traccia presente tra i pareri svolti 2017 (clicca qui) che prepariamo settimanalmente e rendiamo disponibili gratis per voi, e poi torna su questa pagina per vedere la soluzione. Evita di leggere lo svolgimento del parere perché ora è inutile. La leggerai dopo, ora finisci di leggere questo articolo e capirai il perché.
  2. Occorre essere brevi, chiari ed incisivi. Inutile dilungarsi a spiegare nel dettaglio persone e descrizioni accurate. Occorre andare brevemente al punto senza trascrivere interamente la traccia.
  3. Scrivere il parere in terza persona. Evitare di mettersi nel punto di vista dell’avvocato. Pensare sempre in senso impersonale.
  4. Iniziare tutti i pareri svolti con una frase prestabilita. Noi riteniamo, alla luce dei molti compiti corretti, che una frase adeguata possa essere:

Viene richiesto parere legale in merito ai possibili profili di responsabilità civile rispetto la condotta tenuta da Tizio. In particolare, da quanto riferito, questo … “

Occorre essere metodici: avere un metodo di redazione del parere civile che possa andare in automatico durante la prova scritta di dicembre. Non è possibile avere ripensamenti in quella sede: mettendo il pilota automatico, le vostre possibilità discrivere un parere di civile sufficiente saranno certamente molto alte.
La soluzione al quesito indicato sopra? Eccola qui:

Testi consigliati

Viene richiesto parere legale in merito ai possibili profili di responsabilità penale in capo a Tizio, Mevio e Sempronia in conseguenza delle rispettive condotte di seguito indicate.
In particolare, il diciannovenne Tizio ha intrattenuto una relazione sentimentale con la tredicenne Caia con la consapevolezza dei genitori di questa, sigg.ri Mevio e Sempronia. Questi, pienamente consapevoli dei rapporti sessuali tra i fidanzati minorenni, adibivano all’uopo la camera da letto della figlia posizionando un letto matrimoniale.
Successivamente Tizio ha mostrato un filmato fatto col proprio cellulare dove egli si ritraeva con la fidanzata Caia in un rapporto sessuale. Detta notizia, diffusasi ampiamente nella scuola comune dei giovani, ha ingenerato nella ragazza uno stato di mortificazione che l’ha indotta al suicidio. Salvata dal padre, in ospedale ella è stata interrogata dai Carabinieri sui fatti suesposti.
Occorre preliminarmente valutare le condotte di […]
Come vedi, in poche righe viene spiegato completamente la cornice in fatto. L’inizio del parere è scritto in terza persona: non ci sono segni di riconoscimento. La scrittura è semplice, ma dettagliata. Consigliamo di scrivere il vostro parere di civile così. Quello l’inizio del nostro schema per redigere un parere di diritto civile.
La seconda fase nello svolgimento della prova scritta dell’esame avvocato dopo l’avvenuta lettura della traccia è quella di ricerca e studio delle questioni giuridiche rilevanti. In sostanza: la struttura giuridica e fattuale della traccia che è necessaria per scrivere il parere. Abbiamo visto come leggere una traccia. Ora veniamo alla seconda fase di quattro prima della consegna della nostra prova scritta esame avvocato.
Dobbiamo usare il codice civile o penale senza giurisprudenza. Il codice commentato, infatti, lo useremo solamente dopo. Ma vediamo, nel dettaglio, i passaggi da svolgere.

 

Fase 1: Cercare il fatto principale. La questione giuridica seguirà.

Occorre in primo luogo comprendere quale sia la questione giuridica più importante, così come quelle accessorie. Lo spunto viene dato generalmente dalla traccia stessa, ma capitano casi in cui la traccia si limiti a dire cose del tipo

Il candidato, assunte le vesti di legale di Tizio, valuti le fattispecie eventualmente configurabili redigendo motivato parere

A quel punto occorre sempre comprendere una cosa fondamentale: dove c’è il fatto principale, c’è la questione principale.
Significa che occorre avere – sulla base della propria sensibilità ed esperienza – cognizione del fatto principale. Connesso al fatto principale, deve esserci sempre una questione giuridica che deve essere analizzata.
Facciamo un esempio concreto: traccia di parere in diritto civile dell’esame avvocato 2016

Caio è un giovane molto ben voluto nel piccolo paese in cui vive. Nel dicembre del 2005 riceve in donazione dall’amico Sempronio un piccolo appezzamento di terreno; successivamente nel maggio del 2008 acquista un piccolo appartamento con denaro dell’amico Mevio. Nel febbraio del 2016 Caio riceve la visita di Tizio, figlio e unico erede di Mevio, deceduto nel 2010, che gli rappresenta la propria intenzione di rivendicare la proprietà del predetto terreno lasciatogli in eredità da Mevio, nonché di ottenere la restituzione della somma di euro 50.000 pari al prezzo dell’appartamento acquistato con denaro dello stesso Mevio. A sostegno della prima pretesa Tizio sostiene che Caio non possa vantare alcun titolo sul terreno, non potendo considerarsi tale la donazione di cui il predetto aveva beneficiato nel dicembre 2005, dal momento che il disponente Sempronio non era titolare di alcun diritto sul bene donato. Quanto alla seconda pretesa, lo stesso rappresenta che l’acquisto del predetto appartamento con denaro di Mevio avesse realizzato una donazione di denaro di non modico valore che doveva considerarsi nulla per aver rivestito la forma prescritta dalla legge. Caio, che vive dalla data della prima donazione (peraltro immediatamente trascritta), aveva goduto direttamente del terreno adibendolo a orto. Preoccupato per quanto rappresentatogli da Tizio, si rivolge ad un legale, al quale dopo aver riferito i fatti per come sopra descritti, ribadisce di non aver mai saputo che il terreno donatogli da Sempronio fosse, in realtà, di proprietà di Mevio.
Il candidato assunte le vesti del legale di Caio , rediga un motivato parere illustrando le questioni sottese al caso in esame e prospettando la linea difensiva più idonea a tutelare le regioni del proprio assistito.

Che cosa capiamo dalla lettura di questa traccia, ed in particolare modo dalle parti sottolineate?

  1. La questione di fatto più importante è quella relativa alla prima sottolineatura. Perché? Perché si parla espressamente di donazione. Si parla cioè di un caso che ha stretta attinenza con una questione legale. Quindi, possiamo certamente sottolineare e considerarla centrale per lo svolgimento del parere;
  2. A sostegno della propria pretesa significa che qui ci sarà necessariamente una spiegazione. Ed una spiegazione, come sopra, significa analisi di una questione giuridica. Ragioniamo diversamente: tolta questa parte, il parere avrebbe ancora senso? Starebbe ancora in piedi? Se no, allora siamo sulla strada giusta;
  3. Il cliente riferisce qualcosa all’avvocato. E quando qualcuno riferisce qualcosa al proprio avvocato, espressamente, vuol dire che la cosa è importante. E se la Commissione si è premurata di condividere con noi -avvocati di Tizio- questo aspetto, come non tenerne conto in sede di stesura del parere?

 

Fase 2: usare il codice senza giurisprudenza annotata

Abbiamo certamente comprato il miglior codice civile e penale disponibile sul mercato. Di quelli senza la giurisprudenza, oltre a quelli annotati: se non lo hai fatto, devi farlo subito. Il perché lo capirai subito.
Una volta che abbiamo (i) la questione di fatto più rilevante e la correlata (ii) questione di diritto fondamentale, dobbiamo procedere con l’analisi della fattispecie giuridica con il codice alla mano. Il quattro codici della Tribuna per esempio è molto comodo poiché permette un’agevole lettura di tutti i codici. Viene affiancato da un indice dettagliato e preciso.
E proprio all’indice dovremo riferirci: dovremo avere un’idea (anche vaga) di quello che potrebbe essere l’istituto fondamentale oggetto del parere. Perché lo svolgimento del parere è fondato esclusivamente o sul codice civile o sul codice penale. Niente legislazione speciale di nessun tipo.
Occorre quindi cercare l’istituto codicistico di riferimento, ed iniziare a leggere le norme che si susseguono. 
Nel caso della traccia 2016 dell’esame avvocato la questione riguardava la donazione.
Dovremo dunque aprire il Codice civile, andare in fondo nell’indice (se non ci ricordiamo abbastanza precisamente dove sia nel Codice la donazione) ed iniziare a leggere tutte le norme.
Se -come nel caso di specie- non troviamo direttamente la questione giuridica da analizzare è perfettamente normale: se fosse così, l’esame sarebbe una banalissima lettura del codice.
Dovremo invece -visto il genere donazione– cercare la specie che più si adegua a ciò che stiamo cercando.
Troveremo dunque l’art. 771 c.c. (“donazione di beni futuri”) che in qualche modo richiama ciò che stiamo cercando. Se un soggetto vende un bene altrui, dopo tutto, non è come se donasse un bene attualmente non esistente? Dovremo dunque prendere ora il nostro codice annotato con la giurisprudenza e cercare sotto l’art. 771 c.c. dove troveremo appunto la sentenza che risolve la traccia (clicca qui per la soluzione)
Questo in estrema sintesi.

Come scrivere un

La fase dei provvedimenti cautelari e garanzia esclusiva

Correzioni

La fase dei provvedimenti cautelari e garanzia esclusiva

Perché noi

Perché scegliere dei professionisti

Contatti

Non esitare a contattarci

Contattaci

11 + 5 =